LA MISURA 19 DEL PSR

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2014-2020 di Regione Lombardia, in conformità a quanto disposto dall’Accordo di Partenariato sottoscritto tra Stato italiano e Commissione Europea, prevede l’applicazione della Misura 19 “Sostegno allo sviluppo locale LEADER”, con l’obiettivo di rafforzare i legami tra agricoltura, ambiente e turismo.

L’approccio Leader rappresenta il riferimento essenziale nella costruzione degli interventi integrati, dal basso, concertati: interventi che comportano il principio di “sviluppo locale di tipo partecipativo” (CLLD), strumento in grado di accompagnare e sostenere le comunità rurali, la cultura rurale, l’imprenditorialità rurale intesa come diffusione della cultura di impresa, dell’innovazione e della diversificazione, nel superamento dei vincoli tipici di aree rurali che ostacolano la crescita di sistema.

La Misura 19 intende favorire la costituzione e il rafforzamento dei partenariati locali, capaci di implementare piani e progetti integrati di sviluppo socio economico e territoriale, costruiti intorno a temi legati alle identità, ai valori, ai bisogni delle imprese e delle persone e alle risorse di ogni territorio, che vedano la partecipazione degli attori locali, in grado di dare un contributo allo sviluppo equilibrato e sostenibile di ogni territorio.

La Misura 19 finanza i Piani di Sviluppo Locale (PSL) e i Gruppi di Azione Locale (GAL), che attueranno le “strategie di sviluppo locale di tipo partecipativo” nell’ambito dell’approccio Leader.

Il sostegno dato dal PSR allo sviluppo locale LEADER si divide nelle seguenti tipologie di operazione:

  • 19.1.01 - SOSTEGNO PER LA PREPARAZIONE DEI PIANI DI SVILUPPO LOCALE (PSL): sostegno delle attività strettamente correlate alla costituzione del partenariato (Gruppi d’Azione Locale detti GAL) e alla definizione della strategia di sviluppo locale (Piani di Sviluppo Locale detti PSL).

  • 19.2.01 - ATTUAZIONE DEI PSL: realizzazione di interventi che contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi tematici individuati nei Piani di Sviluppo Locale (PSL) nei territori Leader. Le strategie di sviluppo locale proposte devono dimostrare l’apporto di un valore aggiunto che può essere generato da approcci territoriali e bottom-up, a progetti innovativi ed integrati, che derivano dalla capacità di costituire partenariati pubblico-privati locali (GAL) e di sostenere la crescita del capitale umano di un territorio.

  • 19.3.01 - COOPERAZIONE DEI GAL: Le attività promosse dai Gruppi d’Azione Locale (GAL), selezionati in Regione Lombardia nell’ambito dei progetti di cooperazione interterritoriale e transnazionale. Le attività sono legate ad obiettivi pertinenti con la strategia promossa dal GAL che partecipa alla cooperazione. Le procedure amministrative per la selezione dei progetti di cooperazione e le spese ammissibili sono pubblicate entro 2 anni dalla data di approvazione dei Piano di Sviluppo Locale (PSL). Sono ammissibili a finanziamento i costi riferiti alla preparazione e implementazione dei progetti, al monitoraggio e alla valutazione in linea con quanto verrà stabilito a livello nazionale.

  • 19.4.01 - GESTIONE ED ANIMAZIONE DEI GAL: Il sostegno per l’attivazione da parte dei Gruppi d’Azione Locale (GAL) di tutti gli strumenti necessari ad una corretta gestione del Piano di Sviluppo Locale (PSL) e ad una piena animazione ed informazione della popolazione dei territori oggetto di intervento.